Ven. Dic 9th, 2022

di Alessandro Perrone

Apple e’ uno dei marchi piu’ famosi e conosciuto del mondo. Nato in garage da due Steve (Wozniack e Jobs) che hanno cambiato il modo di usare il computer e le nostre vite.

Ma quale potrebbe essere la chiave del successo di questa azienda?

Il successo planetario di Apple, che ha oggi un valore di oltre 2 mila miliardi di dollari (superiore al Pil di molti Paesi, Italia compresa), si potrebbe forse ridurre a una sola felicissima intuizione: la semplicità. La grandezza e la genialità del fondatore Steve Jobs fu proprio questa: comprendere che la tecnologia doveva essere ai limiti del minimalismo, perché si rivelasse accessibile a tutti.

Ci sono tanti esempi nella vita di Apple: uno dei primi puo’ essere la gestione del mouse, quella freccia che ci permette di fare tante cose, aprire files, disegnare. Poi il sistema operativo grafico ad icone, il System/finder dalla versione alla versione 7, poi chiamato System 8-9 e infine in Mac Os.

Nomi diversi, versioni diverse creati in tempi diersi, ma accomunati dalla stessa filosofia: la gestione ad icone con il mouse con cui interoperare. Ricordo che prima del System 4, gli unici sistemi operativi che erano presenti nel mercato erano CPM, Dos e Unix, che altro non erano una finestra nera in cui bisognava scrivere comandi per fare le operazioni.

Non dobbiamo dimenticare che Apple e’ nata come azienda di computer, dal primissimo Lisa agli Imac, passando per i vari MacBook, Mac Pro, Mac del ventesimo anniversario: tutti dotati del sistema operativo grafico, e progettati per essere usato e aggiornato nel modo piu’ semplice possibile. “Filosofia Jobs” applicata su tutti i prodotti della Apple.

Ma non parliamo solo del settore dei computer, settore che e’ stato il trampolino di lancio della azienda di Cupertino fino al 2011, anno in cui hanno presentato il famose iPhone: un solo pulsante, una sola icona per ogni singola funzione. Qualcosa insomma che può essere usato anche da un bambino e che proprio per questo è più rapido ed efficiente. Spesso chi ama acquistare i costosi prodotti Apple lo fa – comprensibilmente – proprio per questo: avere un software affidabile, fluido, semplice, che cambia nella forma ma che è sempre identico nel modo di utilizzarlo.

Semplicita’ e robustezza al servizio del consumatore, anche a costi un po’ alti, rispetto alla concorrenza. Ma molte volte non e’ proprio cosi’. Se volessimo comparare i computer Apple con i computer “high level” di brand importanti (HP, Lenovo, Sony) il differenziale dei prezzi non e’ cosi’ largo. E questo ragionamento vale anche nel mondo della telefonia: Samsung e Hawei, per i loro modelli di punta, hanno prezzi che non si discostano di molto da quelli degli iphone. L’unica differenza e’ che fanno un numero di modelli elevato, con prezzi scaglionati. Oppure nel mercato si trovano aziende che fanno telefoni a prezzi bassi per potersi accaparrare la clientela che non e’ disposta a spendere certe cifre per un apparecchio telefonico o un computer da casa.

Apple sempre? Apple filosofia di vita? Per il sottoscritto si’, dato che e’ un utente della mela dal 1986, anno che ho comprato il mio Mac Plus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.